ASSOLTO

Le dure parole di una lettrice della pagina! 🌹
Storie di ordinaria ingiustizia dove l’ennesima violenza maschile sulle donne rimane bellamente impunita e quindi sostenuta da un vecchio e decrepito sistema patriarcale e maschilista.



“Come al solito non posso esprimermi pubblicamente perché ho paura di lui…
Perché riuscire a guarire è così difficile?
Perché qui al Sud non trovo strutture, personale che capisca? Sto cercando in tutti i modi di uscirne da oltre un anno ormai, e mi ritrovo al punto di partenza. C’è una grande superficialità in giro, la.sofferenza dell’anima non viene considerata, anzi… sei un debole se ce l’hai. Per non parlare della quasi inesistente tutela dal punto di viaista legislativo. Cavolo come sono incavolata. E anche delusa, scoraggiata.

Ora ti racconto la fine del procedimento penale di ieri….
Donne… Si donne… Denunciate e poi vedrete lui assolto

6 anni fa, denuncia con intervento della polizia in casa, trovano me e i figli in lacrime, piatti e giocattoli rotti e lui come se nulla fosse.
Denuncio, va via, chiedo separazione. Inizia processo.
Non ho referti del pronto soccorso poiché a portarmici sarebbe dovuto essere, dopo avermi presa a calci ‘oh amore vieni che facciamo controllare la schiena dai dottor ….
Si vabbe…. Come no. Non vivevamo nel mio ne nel suo paese, sposi novelli quindi non avevo amici né ancora conoscevo le strade per andarci sola, ma ero sola e spaventata.
Nascono figli, violenza continua…. solita storia.
In tribunale i miei fratelli raccontano ciò che hanno saputo e visto. I suoi amici poco e niente e per sentito dire, mai erano entrati a casa nostra.
Relazioni servizi sociali dove i figli raccontano delle botte che ancora oggi ricevono e del fatto che io sia in pericolo quando papà scende nel garage con le chiavi, perché ne ha una copia.
ASSOLTO
Questa parola riecheggia da ieri, è come se mi stessero uccidendo a sassate. ASSOLTO
Quindi io bugiarda?
Quindio io visionaria, mai avuto calci pugni e urla e distruzione del mio essere?
Aspettiamo le motivazioni…. E che me ne faccio?
ASSOLTO
Donne denunciate…. Si certo… Come no
Sole se sei morta vieni creduta.
Basta scarpe rosse, basta panchine dedicate, un mare di inutile nulla.

Sai cosa dico alle donne?
Risparmiate i quei soldi… Andatevene e basta tanto non avrete mai un riconoscimento alla vostra Sofferenza.”

———————————————————————

Se questo blog per te è fonte di crescita ed evoluzione

sostienilo con una donazione

sostienici!
Questa voce è stata pubblicata in esperienze, testimonianze e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.