Da un anno ho scoperto che tutti gli abusi ricevuti dalla mia nascita avevano un nome: Narcisismo


Solstizio_destate_2013Oggi 24 giugno 2020, giornata dedicata a Giovanni Battista, la giornata di San Giovanni che vede l’entrata nella stagione estiva, ricevo questo messaggio ricco di coraggio e forza da una lettrice della pagina e, con grande piacere, lo condivido e pubblico qui, augurando un buon onomastico a Giovanna in primis e a tutte le Giovanne e i Giovanni che ci stanno leggendo!

Buongiorno a tutte e a tutti, volevo condividere con voi la mia esperienza, magari è utile a qualcunx. Da un anno ho scoperto che tutti gli abusi ricevuti dalla mia nascita avevano un nome: Narcisismo. Mio padre un uomo molto bello, con una posizione lavorativa impeccabile, al di fuori di casa era un uomo e padre premuroso ma in casa l’inferno. Poteva passare dalle risate ed un clima piacevole, alle lacrime guardando il film “Marcellino pane e vino” al picchiare con un tubo di gomma i suoi figli in pochi minuti. Clima di perenne ansia e paura in casa. Quando non picchiava, le parole non erano dolci. Se uscivo con un ragazzo non potevo diceva che le poco di buono (ho usato un termine più consono a Facebook) uscivano con i ragazzi. Poi aggiungeva di guardarmi allo specchio che ero un bidone e che un uomo mi avrebbe usata solo per il sesso. Fino a 22 anni infatti non sono riuscita ad avere rapporti sessuali con un ragazzo. Fino a che non ho cominciato a lavorare ero timorosa e piena di insicurezze. Poi un giorno decide di andarsene grazie al cielo, per stare con un’altra donna. Avevo 20 anni. Ci ho messo circa 10 anni a capire che non era colpa mia che io ero una bella persona, anche se lungo la mia strada ho incontrato ancora per lavoro o nella vita privata persone che hanno abusato di me. In tutta la mia vita però c’era una cosa a cui davo ascolto per non annegare nei miei dolori : la mia voce interiore che mi diceva di non arrendermi, che la vita è bella ed era un mio diritto prendermi cura di me. Ok avevo ricevuto male,ma se esisteva il male esisteva anche il bene ed io volevo per me tutto il bene del mondo. Ho deciso di scrivere oggi per un semplice motivo, oggi è il 24 giugno 2020 San Giovanni Battista. Giorno del mio onomastico e giorno dell’anniversario di nozze dei miei genitori. Alle 9,50 ricevo una chiamata da un numero sconosciuto. Rispondo ed è lui, dopo 20 anni mi chiama per farmi gli auguri. Non ho sentito niente. Se non la pace estrema del pensare e del sentire che sono libera. Che la mia anima lo è! Che la bambina che dentro me alcune volte ancora piange perché non ha avuto il papà, è cresciuta ed è una donna forte ed indipendente.
Auguro a tutte e a tutti voi di avere una voce dentro che vi dica “Sei importante, sei abbastanza, non arrenderti mai!”.

18814234_1923188714587559_2256188805095622285_n

Grazie per la vostra gentile attenzione e grazie per questa pagina.
Un abbraccio forte!
Giovanna.

Questa voce è stata pubblicata in esperienze, testimonianze, Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...